Alla scoperta della cultivar più diffusa al mondo: l’oliva Leccino!

Microsoft Word – blog miraglia agosto.docx

L’oliva Leccino è una varietà originaria della Toscana ma, grazie ad una buona adattabilità all’ambiente (resiste anche alle basse temperature) e ad una doppia predisposizione, in quanto coltivata sia per produrre olio d’oliva che ottime olive nere da mensa, le sue cultivar si sono diffuse praticamente su tutto il globo, dall’Argentina alla California e persino in Australia, rendendola di fatto la cultivar più diffusa al mondo!

Quest’ulivo fiorisce in primavera e la raccolta si effettua in autunno, nel mese di novembre. Si caratterizza per una buona fruttificazione e un alto contenuto in olio: a seconda della maturazione del frutto al momento della raccolta, si avrà un olio d’oliva più o meno intenso e fruttato. Nella maggior parte dei casi l’olio che si ottiene dal Leccino ha un sapore neutro e non molto aromatico, mentre le olive nere sono piccole, dolci e saporite, con un colore che va dal viola al verde scuro.

Una pianta da “casa”

A rendere speciale la cultivar del Leccino è anche il suo lato estetico: l’albero può raggiungere dimensioni abbastanza grandi e i rami pendenti ricordano un po’ quelli dei salici piangenti, ma ciò che rende sorprendente l’oliva Leccino è che può essere coltivata anche in vaso come pianta ornamentale! Grazie alla sua decorativa fruttificazione, la pianta del Leccino si presta ad abbellire balconi e terrazze, installata su steli da 40 o 50cm, all’interno di un vaso dalla capienza pari almeno a 2,5 litri.

Le Olive Leccino in Cucina!

Il sapore equilibrato dell’Olio extravergine Leccino ben si presta ad accompagnare piatti a base di carni bianche, pesce e verdure, mentre il sapore, leggermente speziato e aromatico, rende le olive perfette per accompagnare antipasti a base di salumi e formaggi, ma anche per realizzare patè oppure pesti e sughi per primi piatti, bruschette e focacce.

Per preparare un patè di olive bastano meno di 10 minuti!

Occorrono semplicemente 200gr di olive e 45gr di olio extravergine: si continua denocciolando le olive e riponendole nel frullatore fino ad ottenere un composto omogeneo, aggiungendo man mano l’olio extravergine fino a quando non si otterrà un composto morbido, compatto e buonissimo da spalmare su crostini o sul pane caldo!

patè di olive
patè di olive

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *